home   |    chi siamo   |    contatti
biblioteche   |    distributori   |    carrello
titoloGNOSIS 2/2014
Rivista italiana di intelligence
editoreArgos
anno2014
formato18 x 27 cm
illustrazionibianco/nero e colore
pagine192
prezzo€ 15,00
ISBN978-88-88690-38-4
ISSN1824-5900
     

in breve
Il perdurare della crisi economica e il cambiamento geopolitico che sempre più debilitano le strutture sociali dei paesi occidentali, mettendo in discussione gli assetti sino a qualche anno fa considerati profondamente radicati, impongono momenti di riflessione sulle nuove sfide analitiche, che Gnosis è felice di raccogliere e condividere con i suoi lettori. Se ne fa interprete il senatore Marco Minniti, Autorità Delegata per la sicurezza della Repubblica e mentore della Rivista, che alle considerazioni sull'apolarità delle minacce prossime venture fa seguire l'indicazione sulle possibili risposte del Comparto della sicurezza, a vantaggio del decisore politico: nella sua sintetica esposizione tratteggia il profilo nuovo e competitivo di un'intelligence 'partecipata' che vuole essere esperta, efficace, e riconosciuta dal consesso civile, che è tenuta a proteggere e che spesso è vittima di pregiudizi per passati difetti di comunicazione.
Proprio a tale aspetto il Comparto ha assegnato grande rilievo, promuovendo il progetto 'intelligence live' presso gli Atenei italiani per dare un segnale di condivisione e apertura al cittadino. Una cornice complessa, entro la quale si intrecciano i contributi dei diversi autori che lumeggiano le criticità crescenti degli scenari globali e l'inadeguatezza degli attori strategici che rendono più difficile il processo decisionale.
Il Punto di vista dell'ambasciatore Sergio Romano esplora le contraddizioni della crisi ucraina e i chiaroscuri che solo la gnôsis storica aiuta a distinguere, senza cadere in facili pregiudizi: troppi nodi nell'ordito delle politiche internazionali, troppe ambiguità, forse anche minori qualità strategiche degli attori che risultano poco inclini a interpretare e valutare le derive e le tensioni conflittuali che minano l'ordine globale. In tale direzione si orientano i saggi di Nicola Pedde, sulla crisi libica e le spinte caotiche che rischiano di contagiare l'intero scacchiere nord africano e su cui si confrontano le molteplici forze in gioco; di Gianandrea Gaiani, sugli esiti nefasti del ritiro delle forze di sostegno all'Afghanistan in un'area ormai compromessa dal dominio dei talebani e dai diffusi interessi criminali e affaristici regionali; di Stefano Dambruoso, sulla crisi che da tempo affligge la Siria; di Vladimiro Giacché, sul mercantilismo tedesco e sugli effetti debilitanti che potrebbero portare a una «implosione incontrollata e distruttiva» dell'eurozona e infine di Ilkka Salmi, analista strategico dell'Ue, che tratteggia il concetto di difesa integrata, elaborato sulla scorta di best practices e lessons learned dei singoli Stati membri (in linea con gli auspici del Trattato di Lisbona 2009).
Anche in questo numero abbiamo voluto sottolineare il costante confronto tra passato e presente, ineludibile viatico per prevedere e orientare il futuro. A ritroso, Marta Pallavidini descrive il ruolo della 'messaggistica riservata' nella società ittita della Tarda Età del Bronzo, quale strumento fondamentale per informare in modo tempestivo e 'aderente' il Grande Re, così scongiurando complotti e guerre in un contesto politico complesso e fluido. Il presente, invece, assume la liquidità della cyber intelligence, come declinata da Antonio Teti.
In modo progressivo emerge una richiesta di sicurezza legata maggiormente alla tutela delle risorse scientifiche e naturali del Paese, tra cui quella idrica, come ricordano Corrado Maria Daclon e Matteo Pizzigallo. Si tratta di parte di quegli interessi nazionali che Edoardo Boria ci racconta dover essere protetti anche da un'efficace propaganda a suo modo formativa e costitutiva di consenso nell'attuale società dell'immagine e della comunicazione.
In un quadro tanto a rischio, l'Occidente deve affinare nuove sensibilità, evitando di ripercorrere i sentieri dell'indifferenza tanto stigmatizzati da Filippo Aragona nel suo intervento sui genocidi nella ex Yugoslavia e nel Rwanda: in sintesi, anche l'intelligence è, e deve continuare a essere, sempre più engagée, come sottolinea Franco Gallo in occasione dell'inaugurazione dell'anno accademico del Comparto.
Suggestivo è lo spunto di Camillo Sperzagni sulla programmazione neurolinguistica per l'attività Humint, finalizzata tanto a ottenere più efficaci risultati nella gestione operativa sul campo, quanto a sostenere e alimentare un adeguato e competitivo knowledge management. La nostra rassegna si completa con le ormai rassicuranti rubriche tematiche e culturali dedicate alla filatelia, al cinema, al romanzo, al fumetto e – da questo numero – anche all'umorismo sagace e pungente di Melanton. In chiusura, un consueto spazio è dedicato alle recensioni su cui poggia lo spirito dell'intelligence 2.0, tra tradizione e futuro, con la presentazione di testi che tra passato e presente, tra luci e ombre, ripercorrono le fasi evolutive dei servizi segreti, con approfondimenti su spericolate missioni del Secondo conflitto mondiale ovvero sulle più recenti vicende connesse al terrorismo islamico. Si segnala, infine, la versione integrale della premessa dell'ultimo lavoro di Sergio Romano, cornice agli interrogativi e alle attese sugli scenari geo-politici prossimi venturi dei nostri lettori.


il sommario
SERGIO ROMANO
Punto di Vista

MARCO MINNITI
Intelligence e democrazia

ILKKA SALMI
Cooperazione multilaterale nel settore intelligence in ambito Ue

MARTA PALLAVIDINI
Un'intelligence istituzionalizzata. Gli Ittiti

FILIPPO ARAGONA
I processi davanti all'International Criminal Tribunal for the Former Yugoslavia
e all'International Criminal Tribunal for Rwanda. Profili giuridici, storici e sociologici

FRANCO GALLO
Democrazia 2.0. La Costituzione, i cittadini e le nuove forme di partecipazione

ANTONIO TETI
Lo sviluppo delle strutture di cyber intelligence. Dal Pakistan all'Iran, passando per New Delhi

EDOARDO BORIA
America liberatrice vs Europa unita

CORRADO MARIA DACLON
Geopolitica dell'acqua ed equilibri internazionali

MATTEO PIZZIGALLO
L'acqua 'elettrica'

CAMILLO SPERZAGNI
Pnl-Programmazione Neurolinguistica per l'attività Humint. Vincoli e opportunità

NICOLA PEDDE
La crisi libica e il difficile percorso della ricostruzione istituzionale

GIANANDREA GAIANI
Le incognite del ritiro afghano

STEFANO DAMBRUOSO
La crisi siriana e il fenomeno del reducismo

VLADIMIRO GIACCHÉ
La Germania in Europa. Maestra di virtù o fattore di squilibrio?

UMBERTO D'ARRÒ
L'incredibile doppio gioco di Kim Philby

GIANCARLO ZAPPOLI
La spia che venne dal freddo

GIUSEPPE POLLICELLI
Il James Bond di Ian Fleming

MELANTON
Strettamente confidenziale

in allegato
MARIA GABRIELLA PASQUALINI e GIAMPAOLO RUGARLI, «L'Arma e l'intelligence», pp. 120



ABBONAMENTO GNOSIS:

per numero
Italia, euro 20,00
Europa, euro 30,00
Internazionale, euro 40,00

abbonamento annuale (4 numeri)
Italia, euro 60,00
Europa, euro 80,00
Internazionale, euro 100,00

Per sottoscrivere un abbonamento compilare il e inviarlo all'indirizzo: info@datdonatdicat.it

TOP

Copyright © 2010 Dat Donat Dicat Srl - P.Iva 06943841004