home   |    chi siamo   |    contatti
biblioteche   |    distributori   |    carrello
titoloGNOSIS 3/2019
Rivista italiana di intelligence
editoreArgos
anno2019
formato18x27 cm
illustrazionibianco/nero e colore
pagine296
prezzo€ 15,00
ISBN978-88-88690-19-3
ISSN1824-5900
     
il sommario


Editoriale

Punto di Vista di Sergio Romano

araldica / BfV - Germania

Aldo Masullo
Valore - Indifferenza

Dario Antiseri
Società aperta - Società chiusa

Carlo Bordoni
Comunità - Società

Marco Lanterna
Massa - Individuo

Edoardo Boria
Dentro - Fuori

Massimo Livi Bacci
Apertura - Chiusura

Tonino Griffero
Situazione - Atmosfera

Gianfranco Ravasi
Sacro - Santo

Sossio Giametta
Religione - Laicità

Alberto Castelvecchi
Religio - Religione

Francesco Donadio
Visione - Ascolto

Paolo Benanti
Coscienza - Scienza

Luca Bagetto
Bellezza - Degrado

Giovanni Brizzi
Fedeltà - Tradimento

Pietrangelo Buttafuoco
Verità - Realtà

Francesca Bocca-Aldaqre
Pietas - Caritas

Marco Ventura
Potestas - Auctoritas

Filippo Aragona
Mythos - Logos

Roberto Ganganelli
Accadde a Lisbona

Giancarlo Zappoli
Ma cosa ci dice il cervello

Giuseppe Pollicelli
Il successo del graphic novel tra agenti venuti dal passato e droni spia

Melanton
Il lato sorridente dell'intelligence


approfondisci
«Gnosis» affida a questo numero, e proseguirà con il prossimo, la sfida di condividere il pensiero di personalità della cultura e delle professioni sul tema dei 'valori', declinati attraverso selezionate dicotomie / antinomie che aprono a un ulteriore foro di riflessione e di personali approfondimenti del lettore. Il senso del progetto riposa nella considerazione che, nel tempo dell'abbreviazione urgente, del moto perpetuo virtuale e delle verità troppo nette o, al contrario, evanescenti, il percorso dicotomico consente la ricombinazione pensata e la 'distinzione senza prescindere', con una rinnovata vocazione al chiaroscuro: talvolta prevale il germe oppositivo, frontale, guerresca deriva dell'alterità; altre volte s'intuisce la continuità o la collusiva contaminazione di due concetti ambiguamente intrecciati.
Nell'ombra dell'intelligence, la dicotomia è il campo più ardito per l'Agente, avanguardia nelle terre indefinite dei significati e dei fenomeni, spazio di tradizione e di innovazione, di teoria e di prassi.
Dopo il Punto di vista di Sergio Romano, che ci aggiorna sull'evoluzione storica dei rapporti tra Usa-Russia, oggi condizionati da una nuova versione di Guerra fredda, «Gnosis» presenta una teoria di qualificati autori che affrontano dicotomie selezionate, in virtù delle loro esperienze e competenze, pietre miliari di un cammino intimo che dai valori attingono lo spirito mutevole dell'impegno privato e pubblico. È Aldo Masullo a introdurre i poliedrici profili del valore, libero da ascendenze ontologiche del pensiero verticale, traducendolo in quella «preferibilità» che attiene al senso profondo della vita moderna, contro la disonesta distrazione universale di massa dell'indifferenza contemporanea. Sulla necessità di una maggiore consapevolezza analitica si sofferma Dario Antiseri, che coglie della società tutte le sue contraddizioni e vulnerabilità, esposta alla labilità e popperianamente alla falsificabilità della conoscenza verso cui appaiono indispensabili approcci integrati e domande aperte a ogni forma di ibridazione. Intorno al tema, Carlo Bordoni amplia la riflessione sull'inadempienza della società moderna e sull'inattualità della comunità a risolvere separatamente la crisi del presente, e del tempo critico, con erudita visione pittorica, Marco Lanterna pennella i segreti labirinti dell’individuo che sversa nella manzoniana «massa» tutte le sue indefinibili emergenze che l'élite rilancia, senza sintesi, verso la nebulosa di un futuro incerto.
Per Edoardo Boria è il limite, tra il dentro e il fuori della logica binaria, a segnare lo spazio geografico, sociale e cognitivo della nuova sfida, il tramite (boardspace) su cui si declina l'ossimoro possibile che la geopolitica abbraccia e accudisce.
Massimo Livi Bacci guarda all'esempio di frontiera, esposta ai venti ineludibili della mobilità umana, su cui convergono e configgono la solidale speranza e le incognite paure che dell'immigrazione riflettono i fantasmi, ma anche la possibilità di futuro migliore. È l'uomo moderno, per Antonino Griffero, da una parte, a misurare il suo «mondo ambiente» e a spingersi ben oltre il suo corredo biologico e la naturale disposizione all'adattamento, dall'altra, a farsi progetto ed esperienza «atmosferica», quale chance emancipativa. Nell'architettura del sacro che, oggettivo e perfetto, divide e separa, il lievito e il sale del santo numinoso di giustizia e verità convocano Cristo nella storia e nell'esistenza, rifuggendo la retorica eccentrica e verbosa del fondamentalismo cristiano e quella distruttiva dell'integralismo islamico (Gianfranco Ravasi). Proprio nel corso storico - panta rei - s'affida l'alveo del fiume all'essenza divina e alle condizioni dell'esistenza, da Dio alla natura, che l'inedita zattera di Nietzsche apre a nuove rotte (Sossio Giametta), sia curando la religio civile che preserva e converte laicamente il quid sacrum (Alberto Castelvecchi) sia alternando nella coscienza la visione che guida e la voce che distingue e accoglie nelle anse metaforiche (Francesco Donadio). In questo viaggio di onde ci si affida alla condizione cognitiva che emancipa l'umanità e la rende nocchiero sulle mappe incognite da conquistare, con le vele della scienza e della coscienza pronte a sfruttare i venti e ad allontanare gli abissi (Paolo Benanti): nell'inquieta provvisorietà del tragitto e nel tremore dell'azimut che confonde, la corsara incursione nell'imprevedibilità scuote l'ordine e offre un inedito orizzonte da sondare (Luca Bagetto). Non poteva mancare un viaggio a ritroso, a cercare le radici del 'chi siamo': nell'archeologia viva dell'Antica Roma, laboratorio di illuminata prassi e di plurale deità, Giovanni Brizzi coglie le profonde radici dell'Imperium che della fides è la maturazione nelle serre religiose e politiche (e della religione della politica). Alla sorgente della storia e della filosofia si addentra Pietrangelo Buttafuoco che, tra la realtà delle cose e le verità dell'intelletto, aggirando l'enciclopedica conformità del giudizio all’oggetto, inventa e sublima in poesia l'imaginale e ci fa àncora nell'occhio di Dio. Sulla linea sensibile all'illuminato islam prosegue Francesca Bocca-Aldaqre, recuperando i debiti romani, cristiani e islamici sino a cogliere nella trascendenza di Dio la sintesi dell'essere pio e caritatevole, all'ombra del nietzschiano anelito a «conoscere, anzi adorare». Il recupero del passato anima i contributi di Marco Ventura, pellegrino nei meandri brumosi del potere, nell'ordalia dottrinaria che legge l'autorità nelle sue diverse accezioni temporali e di Filippo Aragona, che analizza l'ambiguo intreccio tra mythos e logos che si contaminano e scolorano in prospettive future.




ABBONAMENTO GNOSIS:

per numero
Italia, euro 15,00
Europa, euro 18,00
Internazionale, euro 25,00

abbonamento annuale (4 numeri)
Italia, euro 48,00
Europa, euro 58,00
Internazionale, euro 80,00

Per sottoscrivere un abbonamento compilare il e inviarlo all'indirizzo: info@datdonatdicat.it

TOP

Copyright © 2010 Dat Donat Dicat Srl - P.Iva 06943841004