home   |    chi siamo   |    contatti
biblioteche   |    distributori   |    carrello
autoreUlderico Piernoli
titoloDai segreti del Sim al sole di El Alamein
Giovanni Alberto Bechi Luserna
collanaSegreti
editoreNuova Argos
anno2018
formato12x17 cm
illustrazionibianco/nero e colore
pagine224
prezzo€ 10,00
ISBN978-88-88693-33-0
    
il sommario


Prefazione
di Marco Bertolini

Introduzione

Capitolo 1 – Una famiglia di soldati

Capitolo 2 – Guerriglia in Libia,
fermenti in Europa

Capitolo 3 – La pace e le armi

Capitolo 4 – Dentro il mondo 'British'

Capitolo 5 – Il 'mestiere delle armi'in Gran Bretagna

Capitolo 6 – Venti di guerra

Capitolo 7 – All'ombra del SIM

Capitolo 8 – Come folgore dal cielo

Capitolo 9 – Nella fornace di El Alamein

Capitolo 10 – Morte nel pomeriggio

Bibliografia


l'autore
Ulderico PIERNOLI
Giornalista, redattore e inviato speciale del quotidiano «Il Tempo» e poi del TG2, dove ha concluso la carriera come Redattore Capo. Si è occupato di sequestri di persona, mafia, traffico di droga e di terrorismo, italiano ed estero. Ha seguito i conflitti in Medio Oriente, Afghanistan, Jugoslavia e Somalia. Ha diretto l'emittente Televita e ha pubblicato: "Storia del Tricolore" (1997), "Storia dei corazzieri" (2 voll., 2005); "Il nonno racconta, 100 testimonianze di reduci della Seconda guerra mondiale" (2011). Collabora con «Gnosis. Rivista italiana di intelligence», per la quale scrive di storia, strategia e comunicazione.

approfondisci
Poco dopo le 17 del 10 settembre 1943, «quell'angolo di cielo riservato a tutti noi», sognato nel 1941, scrivendo la canzone dei paracadutisti "Con la morte paro a paro", accoglie il colonnello Giovanni Alberto Bechi Luserna, Capo di Stato Maggiore della Divisione Nembo, scrittore e poeta, fondatore nel 1943 del «Foglio di campo dei paracadutisti italiani» dal quale deriverà la rivista «Folgore».
Non cade combattendo, guardando in faccia il nemico. Una raffica di colpi fraterni lo uccide in Sardegna, al bivio di Borore, a poca distanza da Macomer. Come hanno scritto alcuni storici, sono i giorni della «morte della Patria», nei quali tutto sembra dissolversi, fra assenza di ordini chiari, sbandamento morale, fughe ignominiose, eroici tentativi di resistenza ai tedeschi, scelte pagate spesso con la vita, come accade a Bechi Luserna. A guerra finita, l'amico Paolo Caccia Dominioni, con il quale aveva condiviso l'Africa Orientale, un periodo al Servizio Informazioni Militare (SIM), l'Africa Settentrionale e la fornace di El Alamein, ne onorò il ricordo curando la sua ultima opera letteraria "I ragazzi della Folgore". [...]
La sua morte può essere considerata una delle prime pagine della feroce guerra civile in Italia. Dilaniata da scelte opposte, dopo l'8 settembre 1943 la Divisione Nembo partecipò alla fase finale della guerra, combattendo parte nelle file della Repubblica Sociale Italiana e parte nei ranghi del rinato Esercito italiano. Ma, a conflitto concluso, i paracadutisti italiani si ritrovarono fratelli nel nome di Giovanni Alberto Bechi Luserna.
(dall'Introduzione)



TOP

Copyright © 2010 Dat Donat Dicat Srl - P.Iva 06943841004